MESCALINA. STORIA GLOBALE DELLA PRIMA SOSTANZA PSICHEDELICA

MESCALINA. STORIA GLOBALE DELLA PRIMA SOSTANZA PSICHEDELICA

di JAY MIKE

Editore: UTET

Collana: UTET SAGGISTICA

Anno edizione: 2023

Pagine: 336 p.

ISBN: 9791221207378

20,90 22,00

Titolo

MESCALINA. STORIA GLOBALE DELLA PRIMA SOSTANZA PSICHEDELICA

Autore

JAY MIKE

Editore

UTET

Macrosettore

PSICOLOGIA

Settore

PSICOLOGIA DIPENDENZE

Collana

UTET SAGGISTICA

Anno edizione

2023

ISBN

9791221207378

Pagine

336 p.


Quando i conquistadores incontrarono il peyote in Messico, lo considerarono solo un'altra bizzarria tribale: le popolazioni andine estraevano dal piccolo cactus una sostanza che usavano per i rituali, scatenando visioni mistiche di comunione con la natura e gli antenati. Ci vollero secoli perché l'Occidente lo decodificasse a suo modo, chimicamente: nel 1897 Arthur Heffter isolò l'alcaloide responsabile delle capacità psicotrope e allucinatorie del peyote. Era nata la mescalina. Da quel momento, le strade di peyote e mescalina si dividono: il cactus diventerà il simbolo di una resistenza secolare delle culture indigene alla modernizzazione; l'alcaloide sedurrà con la sua forza esperienziale un manipolo di pionieri spericolati, desiderosi di espandere i confini della mente. Quando poi nel 1954 Aldous Huxley pubblica Le porte della percezione, accogliendo le masse nel regno terribile e meraviglioso del trip psichedelico, si compie una vera rivoluzione percettiva: mescalina e poi lsd trasformano velocemente la cultura giovanile, circolando nei raduni hippie, nei concerti rock oceanici e nei party della Swingin' London per un decennio, fino alla messa al bando nel 1970. Ma le porte della percezione, una volta aperte, non si possono richiudere. Mike Jay traccia la prima completa storia globale della Mescalina, unendo botanica, farmacologia, etnografia, letteratura e neuroscienza. Con sapienza intreccia le molte vite di questa sostanza che sedusse artisti e mistici, come Aleister Crowley, Carlos Castaneda e Antonin Artaud, ma anche intellettuali pensosi come Walter Benjamin e Jean-Paul Sartre. Ormai mitizzata dalla cultura pop, negli anni è stata descritta da alcuni come un veleno, usata da altri come un farmaco, considerata uno stimolo per la creatività e il piacere, un mezzo spirituale per connettersi con Dio. Se l'Occidente ha provato a strumentalizzarla in ogni modo, non è però mai riuscito a definirne con certezza il funzionamento. Così questa storia si apre e si chiude con i suoi luoghi d'origine, dove il peyote non è limitato alle proprietà psichedeliche ma accolto nei suoi aspetti diversi e spesso imprevedibili: un'essenza divina dal carattere affascinante e indomabile.

Dello stesso autore

MACCHINA SOPRA DI NOI (LA)

JAY MIKE

24,00
Vedi tutti i libri dell'autore